Adrano, candidati e liste: Di Primo favorito contro D’Agate, Longo e Monteleone. Pesa l’assenza dei 5 stelle

ADRANO. Undici liste, 4 candidati sindaco. Scaduto a mezzogiorno il termine ultimo previsto per la presentazione, ad Adrano si può fare il punto sui “concorrenti” dell’imminente appuntamento elettorale amministrativo.
Sono 4 i candidati sindaco: Angelo D’Agate, Aldo Di Primo, Chiara Longo e Nicola Monteleone.
Di Primo, sul cui nome sono confluiti gli ex nemici giurati Mancuso e Ferrante, ha dalla sua ben 6 liste d’appoggio. L’obiettivo, nemmeno tanto nascosto, è quello di sbaragliare i competitor già al primo turno superando il 40% di consensi necessari.

Tutti e 4 i candidati hanno presentato un primo elenco di 3 assessori. Vediamoli:
Per Angelo D’Agate: Nino Giuttari, Vincenzo Lucifora, Giuseppe Currao.
Per Aldo Di Primo: Stella Corsaro, Fabrizio Sidoti, Salvo Moncino.
Per Chiara Longo: Nicola Moschitta, Innocenzo Ligresti, Gaetano Consoli.
Per Nicola Monteleone: Nicolò Carini, Stefania Petrina, Carmelo Russo.
Rispetto alla passata tornata elettorale è diminuito il numero di liste: da 16 passano a 11.
Il dato clamoroso, che aspettava solo di essere confermato, è l’assenza del candidato sindaco e della lista del Movimento 5 stelle. La candidata grillina Manuela Scarvaglieri fino all’ultimo ha atteso un segnale positivo (da Catania, da Palermo, dalla Casaleggio associati) che desse il via libera alla certificazione della lista. Il popoloso “esercito” di grillini adraniti – quasi 8 mila voti alle ultime elezioni nazionali – dovrà, a questo punto, riversare la propria preferenza su candidati fuori dal movimento.
La bocciatura senza appello del candidato e della lista dei 5 stelle adranita la dice lunga sulla lotta interna alla gestione del movimento.
Qualche altra sorpresa si registra anche nelle liste dei consiglieri.
E’ saltato all’ultimo minuto il nome di Adele Trovato, esponente di punta del Partito democratico. L’area politica cui fa riferimento, quella del deputato regionale Anthony Barbagallo, si è equamente piazzata sui candidati D’Agate e Monteleone.
Fuori dai giochi, per propria scelta, l’associazione Symmachia che aveva promosso il cantiere del centrosinistra poi svaporato con la rinuncia alla candidatura di Vincenzo Stancampiano.
L’area sammartiniana di Generazione Adrano con una lista propria appoggia Aldo Di Primo e schiera un proprio rappresentante, Moncino, tra gli assessori in pectore.
Obbiettivo Adrano, l’altra anima sammartiniana, presenta i propri candidati nella lista Patto per Adrano che sostiene D’Agate.

Advertisements

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.