Aggiornato il processo a 3 medici catanesi: parto cesareo ritardato per non restare al lavoro

E’ stato aggiornato al prossimo 5 giugno, per l’astensione dei penalisti e un’omessa notifica, il processo davanti alla terza sezione penale di Catania a tre dottoresse dell’ospedale Santo Bambino sulla nascita, il 2 luglio del 2015, di un bambino con gravissimi disturbi neurologici perché, secondo l’accusa, due di loro a fine turno avrebbero tardato a intervenire con un parto cesareo per non restare ancora al lavoro. Le dottoresse A.D.P. e G.C. sono accusate di non avere eseguito subito un parto cesareo per “evitare di rimanere a lavorare oltre l’orario previsto, nonostante i molteplici episodi di sofferenza fetale emersi dal tracciato, somministrato alla gestante dell’atropina per simulare una inesistente regolarità nell’esame medico”.
Nelle indagini, eseguite dalla sezione di Pg della polizia di Stato della Procura, entra anche la dottoressa P.C. che, secondo l’accusa, “pur non essendo a conoscenza degli avvenimenti precedenti, praticava alla paziente per due volte le manovre di Kristeller, tecnica bandita dalle linee guida, nonostante un tracciato non rassicurante e non contattava in tempo il neonatologo che effettuava l’intervento di rianimazione con gravissimo ritardo”. L’inchiesta, coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, è stata avviata dopo una denuncia della famiglia, che ha sempre sostenuto di “non volere pubblicità ma soltanto verità”, assistita dall’avvocato Gianluca Firrone, che rappresenta il bambino e i suoi genitori come parte civile. Nel processo unica altra parte civile ammessa è l’azienda Policlinico, con l’avvocato Enzo Mellia. Lo stesso ospedale e’ presente nel processo come responsabile civile, difeso dal penalista Orazio Consolo.
Annunci

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.